italiano english française español español

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 
Home
Chi siamo
Cosa offriamo
Perché preghiamo
Vangelo e vita

 






Vangelo a colazione
Pensieri del mattino della famiglia Castaldi (Saronno, Italia) riunita per pregare e crescere insieme.
Riflessioni offerte a tutti per innescare la preghiera nelle famiglie cristiane del mondo.

633 - La luce della fede

26-Mar-2017 - IV settimana di Quaresima – Domenica

Parola di Dio            
Passando, vide un uomo cieco dalla nascita… [Gesù] fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe»… Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva… Allora gli domandarono: «In che modo ti sono stati aperti gli occhi?». Egli rispose: «L’uomo che si chiama Gesù…». Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui…?». Egli rispose: «È un profeta!»… gli dissero: «Da’ gloria a Dio! Noi sappiamo che quest’uomo è un peccatore». Quello rispose: «Se sia un peccatore, non lo so. Una cosa io so: ero cieco e ora ci vedo… Se costui non venisse da Dio, non avrebbe potuto far nulla»… E lo cacciarono fuori. Gesù… quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui. Gesù allora disse: «… io sono
venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi». Gv 9,1-39
Pensieri:
Nel prologo al suo Vangelo, Giovanni, parlando di Gesù, aveva detto: «Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo» (Gv 1,9). Per avere, però, la consapevolezza di quella luce, occorre poter vedere. Ecco, allora, che Gesù oggi incontra quest’uomo cieco dalla nascita e lo guarisce, negli occhi e nello spirito. Negli occhi immediatamente, nello spirito dopo che il cieco ha compiuto il necessario cammino di conversione, che in questa vicenda risulta evidente dalle tre risposte che dà a coloro che lo interrogano su chi lo abbia guarito. Alla prima domanda risponde: «L’uomo che si chiama Gesù»; alla seconda risponde: «È un profeta!»; alla terza, dopo che Gesù gli si è rivelato, egli dichiara: «Credo, Signore!». È stato questo il cammino dei primi discepoli ed è lo stesso, anche oggi, per chi si pone alla sequela di Gesù di Nazaret. All’inizio si rimane affascinati dall’«uomo»; poi l’uomo diventa «profeta» per le verità che trasmettono i suoi insegnamenti; infine viene riconosciuto come il «Signore», il Figlio di Dio, perché con lui la vita diventa tutto un miracolo. È un cammino meraviglioso, ma è un privilegio solo per coloro che umilmente si pongono alla sua sequela, in ricerca di verità e di risposte: «Io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi». Gesù è la «luce vera», come dice Giovanni nel prologo, ma solo per coloro che si lasciano illuminare.



 

Anna Maria Rossi e Pierluigi Castaldi
via Gaudenzio Ferrari, 29 - 21047 Saronno (VA) ITALY